Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.


Rockol, 30 Giugno 2003



Ha smesso di avere quell’arietta al confine tra snob e sballato. È diventato padre, è diventato grande, anche se lui probabilmente direbbe che le due cose non sono in relazione l’una con l’altra. Di certo c’è che il trentenne Marco Castoldi, in arte Morgan, è diventato un personaggio credibile – a tutto tondo: lo è nel look (gli fan gioco anche i capelli, già brizzolati), nel modo di parlare, di muoversi, di suonare il pianoforte. Lo è nel disco – il primo da solista – che ha appena pubblicato, e che si intitola “Canzoni dell’appartamento”: in parte di cover, in parte di brani originali, composti e registrati appunto nella casa di Milano in cui Morgan ha vissuto – un po’ da solo, un po’ con la sua (ex?) compagna Asia e la figlia - fino al 3 marzo 2003.

Tra le cover c’è “Non arrossire”, di Giorgio Gaber.
Ma si tratta di una versione un po’ speciale. Il fatto è che per interpretarla mi sono messo a leggere lo spartito, non ho ascoltato il pezzo: quello l’ho fatto solo in un secondo momento. Insomma più che alla tradizione orale mi sono affidato a quella scritta, e ammetto di aver modificato alcuni accordi per diminuire la ripetitività del brano. Battiato mi ha fatto notare che ho anche commesso degli errori. Il brano è stato uno dei primi che ho inciso e ha poi fatto da punto di riferimento per la stesura degli altri.

Come in un concept album?
Non proprio, quelli li facevano Richard Strauss ed Ennio Morricone. Il mio più che altro è un album ambientato, un album di musica influenzata dall’ambiente: un disco che ha assorbito gli oggetti, i suoni, i rumori dell’appartamento in cui l’ho composto, ma anche i consigli delle persone che passavano di lì.

Buoni?
A volte sì, più spesso no. Hanno avuto la loro importanza anche i muri, i tendaggi, i soprammobili, che mi hanno raccontato delle storie, hanno influito anche solo dal punto di vista sonoro. La struttura del disco, il suo essere un “disco da appartamento” ha rappresentato da un lato un vincolo, dall’altro mi ha dato una grande libertà: sapevo che all’interno di quel campo avrei potuto muovermi come volevo.

Sei riuscito a concentrarti come speravi?
Ho un rapporto difficile con la parola “concentrazione”. Se mi concentro divento mentale e non mi piace esserlo. Diciamo che dentro quell’appartamento ho vissuto: e l’album ha vissuto, è cresciuto con me. Ho composto qualcosa anche mentre guardavo la tivù: un vhs con un’intervista a Paul McCartney.

Che diceva?
Una cosa buffa: raccontava di una sua esperienza lisergica durante la quale aveva scritto un pezzo che gli sembrava bellissimo. L’ha risentito il giorno dopo e ha capito che era una stronzata pazzesca. Da questo ho tratto ispirazione per scrivere un pezzo, “Heaven in my cocktail”.

All’inizio il tuo progetto era quello di scrivere un disco di cover. Perché hai cambiato idea?
(Ride) Non volevo che la critica pensasse che non avevo niente da dire. Volevo che evitassero di paragonarmi ancora a Battiato. E poi un progetto che contenesse anche brani originali mi sembrava più interessante. Tra le cover che pensavo di fare e che poi ho escluso c’erano “Put your head on my shoulder” dei Beach Boys, “Il cantico dei drogati” di De André. Ho tenuto praticamente solo “If” dei Pink Floyd, che oltre a essere un brano bellissimo ed estremamente intelligente è anche uno standard del chitarrismo – ammesso che nel rock si possa parlare di standard.

Che altre preferenze musicali hai in questo momento?
In questi giorni mi ossessiona, anche per ragioni sentimentali, “Arrivederci” di Umberto Bindi, che è un autore che in generale mi piace moltissimo. Ne ho spedito una copia anche ad Asia (che in questo periodo vive a Los Angeles, n.d.r.), ma non quella di Bindi che mi sembrava troppo sobria: ho preferito una versione più melensa, quella di Marino Barreto Jr., che più che una stretta di mano è una stretta di cuore.

Sulla copertina del disco c’è una foto di case popolari di Milano. E la città vien fuori un po’ dappertutto, nel tuo album.
Perché è una città che amo molto, anche se è bistrattata dagli amministratori. Era una città meravigliosa, un gioiello architettonico che nel tempo si è deteriorato. Bisognerebbe fare un progetto per sistemarla tutta da capo: a partire dai Navigli che sono stati trasformati in fogne.

Una canzone dell’album si intitola “The baby”. Quanto ha influito la nascita di tua figlia sul disco?
Quella della paternità è un’esperienza straordinaria e insieme di una naturalezza estrema. Comunico con mia figlia anche attraverso la musica: la prima cosa che ho fatto quando è nata è stato trascrivere al computer le Scene Infantili di Schumann, che mi sembrava avessero il potere di calmarla. Ho preferito evitare la classica Ninna Nanna di Brahms che sta in tutti i carillon: è vero che i bambini amano la ripetizione, ma in questo caso si tratta di ossessione. Per mia figlia suono anche le Variazioni Goldberg: ho la sensazione che le piacciano.

Qual è la differenza tra Marco e Morgan?
Sul cd ci sono entrambi i nomi disegnati in modo strano – come se fossero allo specchio. Si chiamano “ambigrammi”, sono giochi a metà tra la grafica e la semantica. Li fa Douglas G. Hofstadter, un filosofo cognitivista mio idolo da sempre. L’ho incontrato a un seminario tenuto da Umberto Eco, ho risposto al suo modo di giocare suonandogli “Changes” di David Bowie su un Preludio di Chopin. Un ambigramma musicale. Un esercizio affascinante, che insegna a leggere le simmetrie nelle cose, ma anche a disgiungere elementi apparentemente simili. Una bella prova di intelligenza.

Paola Maraone

Fonte: http://www.rockol.it/intervista.php?idintervista=600


scroll back to top

comments

◄◄
►►
Febbraio 2020
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
FacebookTwitterInstagram
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.YouTubePinterest

431103_3101248382553_1604506210_2560469_1971205041_n.jpg
La Gallery, le nostre foto dei live
161107 10_150x112.jpg
Foto - Disegni - Ritratti

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI