Intervista a Claudia Endrigo

17 gennaio 2012

Interviste

Abbiamo colto l’occasione dell’uscita di Marianne, singolo che anticipa il nuovo disco di Morgan Italian Songbook vol.2, scritto e presentato da Sergio Endrigo all’Eurovision del 1968, per fare qualche domanda alla figlia Claudia riguardante il padre e Morgan.

 

Claudia, intanto la ringrazio per aver accettato la nostra breve intervista per il sito dedicato a Marco “Morgan” Castoldi.  In questi giorni è in radio una sua personale rilettura di un classico di suo padre, Marianne. Ha avuto modo di sentirla? Cosa ne pensa?

Grazie a te! Non l’ho ancora sentita ma finora Morgan non mi ha mai delusa.

Non è la prima volta che Morgan rilegge una canzone di suo padre, sia nel precedente disco di cover che nelle sue esibizioni dal vivo. Cosa ne pensa di lui? Ha mai avuto modo di incontrarlo?

L’ho incontrato in occasione del concerto tributo a mio padre l’11 gennaio 2006 ma spero di poterlo sentire a breve per ringraziarlo.

Diversi artisti hanno, giustamente, omaggiato suo padre interpretando alcuni dei pezzi più importanti della sua carriera. A questo proposito, cosa le è piaciuto di più?

Devo dire che mi sono piaciuti tutti perchè ho sentito l’affetto e la stima di tanti suoi colleghi.

Dovesse sceglierne una per forza, a quale canzone di suo padre si sente più legata?

Se fossi costretta “Altre emozioni”

Se dovesse descrivere suo padre a chi non ha mai avuto l’onore di conoscerlo, come lo descriverebbe?

Una gran bella persona, mite, dolce, estremanente sensibile, intelligente, allegro, curioso e di gran cultura.

Tra le sue numerose produzioni, lo si ricorda anche come scrittore con “Quanto mi dai se mi sparo?”, un chiaro attacco alla discografia italiana ed a tutta la mediocrità annessa. Cosa ha spinto suo padre a scrivere un libro (tra l’altro con pensieri purtroppo attuali)?

Sicuramente tanta amarezza, tra gli anni 80 e gli anni 90 ha fatto album splendidi buttati via dalle major…

Endrigo nella sua carriera ha avuto l’onore di collaborare con molti artisti importanti (Pasolini, Ungaretti, Sergio Bardotti, Vinicius de Moraes tra gli altri). Ricorda qualche aneddoto legato a queste importanti collaborazioni?

Di tutte le sue collaborazioni ricordo Vinicius che era di casa, quando è scomparso è stato come se fosse morto uno di famiglia.

Qual è l’artista italiano che, a suo avviso, ricorda più da vicino suo padre?

Fortunatamente non c’è, gli artisti proprio in quanto tali sono unici…

Un’ultima domanda: purtroppo la discografia di Endrigo è fuori commercio. Ci sono speranze che i suoi lavori verranno pubblicati su cd?

La discografia di papà c’è, poca, non pubblicizzata ma c’è, basta cercare…

di Cristian Zaffaroni

Il sito ufficiale di Sergio Endrigo
La discografia dal sito Feltrinelli

_________________________________________________________________________________________________

MARIANNE (S. Endrigo, Bigazzi / S. Endrigo)

Presentata all’Eurofestival del 1968, dove si classificò al 10° posto, venne poi incisa sia in inglese che in tedesco anche da Cliff Richard, vincitore della manifestazione.

Il 45 giri presentava Il dolce paese come b-side.

Marianne interpretata da Sergio Endrigo all’Eurofestival.

 

 

_________________________________________________________________________________________________

MORGAN E SERGIO ENDRIGO

Morgan esegue da tempo alcuni brani di Sergio Endrigo nei suoi live; ha inoltre inserito Back home someday e Lontano dagli occhi in Italian Songbook vol.1 (2009).

Ricordiamo inoltre la partecipazione di Marco Castoldi al concerto concerto-tributo tenutosi l’11 gennaio 2006 all’Auditorium Parco della Musica di Roma in onore e in memoria del cantautore istriano,  con i brani Canzone per teLa Colomba, L’arca di Noé (con Sergio Cammariere) poi inseriti nel CD/DVD Ciao poeta (2007).

__________________________________________________________________________________________________

I nostri approfondimenti sugli altri brani dell’album.

, , , , , , , , , , , , , ,

One Response to “Intervista a Claudia Endrigo”

  1. Arael Magnus Says:

    E … per la grazia di Dio, è vivo! Era con noi in spirito, in un incontro a Ceuld, il 11 Marzo 2017, che ci ha lasciato con affetto 9 belle melodie, tutte con finalità sociali. Entusiasta, ha parlato un paio di cose sul Brasile che ama. Stiamo lavorando le modalità. Questo, “Razza di vipère” utilizzare la voce originale, registrato da un telefono cellulare. Eccolo:
    https://www.youtube.com/watch?v=rh5A0dnDGl0

    Reply

Leave a Reply