Attesa per la finale, Chiara e Ics con i loro inediti e…il fattore X di Davide Ferrario

6 dicembre 2012

Il Punto di Vista

 

Siamo ormai giunti al termine di questa sesta edizione di X Factor, «Il programma di intrattenimento più social di sempre nella tv italiana» e come ha dichiarato lo stesso Morgan durante la conferenza stampa finale di ieri “non ha disatteso le nostre aspettative, che erano quelle di poter fare, ascoltare, parlare della buona musica, ossia il vero fattore che determina il successo di questo programma”.

Alla conclusione manca solo la finalissima che quest’anno sarà eccezionalmente divisa in due puntate, il 6 e 7 Dicembre, proprio a testimonianza del grande successo riscosso. A contendersi la finale e quindi il contratto con la casa discografia Sony, sono rimasti: Chiara Galiazzo e Ics per la squadra di Morgan, Davide per quella di Simona Ventura e Cixi per quella di Elio.

Questa sera i 4 concorrenti rimasti si esibiranno in un brano scelto da loro per la manche My Song e uno in omaggio a Lucio Dalla in versione Drum’n’Bass (arrangiata da Big Fish, che recentemente ha collaborato con Morgan per il brano Io faccio del suo nuovo album). Al termine della puntata uno dei ragazzi verrà eliminato, chi resta in gara la sera dopo si esibirà in un medley delle tre canzoni che hanno maggiormente caratterizzato il proprio percorso nel talent e in un duetto con un ospite a sorpresa tra: Mika, Skye e Lisa Hannigan. Fattore comune delle finali sono gli inediti, che i concorrenti hanno cantato per la prima volta nella semifinale disputata la settimana scorsa.

 

DUE RESPIRI di CHIARA GALIAZZO

Il brano è stato scritto per lei da Eros Ramazzotti in collaborazione con Luca Chiaravalli e Saverio Grandi.
Il giudizio di Alessandro Alicandri per Panorama: La canzone ha una finitura migliore di tutte le altre, il testo ha soprattutto nella parte finale qualche lieve sbavatura nell’incastro tra testo e musica (forse dovuta all’interpretazione di Chiara, non ne siamo certi). Il brano, con questo arrangiamento vagamente gotico, vola e lo trasforma in qualcosa di gustoso, affascinante.

 

AUTOSTIMA DI PRIMA MATTINA di ICS

Il brano è stato scritto da Morgan (con alcune personalizzazioni dello stesso Ics) e dovrebbe far parte del suo nuovo disco, ma in una versione più “sperimentale”, è quindi stato prodotto e arrangiato da Gaetano Cappa che lo ha reso più “pop”, adatto al programma e a Ics.
Il giudizio di Alessandro Alicandri per Panorama: La canzone, ispirata da una conversazione con Simona Ventura alle sette del mattino, è un brano che al primo ascolto lascia decisamente storditi e perplessi. La struttura è pop-rap con un ritmo r’n’b e sfumature raggae. Il risultato, dopo molti ascolti, è decisamente positivo. Un brano costruito con sapienza, con un sapore forse un po’ troppo “zuccheroso” rispetto all’identità naturale di Ics, ma la performance ha aiutato a valorizzare il pezzo mettendo in campo una cornice non troppo interessante (il tema portante del brano) ma dei contenuti curiosi, avvolgenti.

 

Quello che però non sapevamo fino a ieri del brano di Ics, è che l’arrangiamento vede il prezioso contributo di un ottimo musicista, Davide Ferrario, che assieme alla sua chitarra ha avuto carta bianca da Gaetano Cappa, che lo ha chiamato, dandogli però solo un’ora di tempo. Ferrario e Cappa si conoscono e collaborano già da diverso tempo, quindi capita spesso che gli chieda un contributo di questo tipo, fortunatamente Ferrario ha il talento necessario per riuscirvi. Così, senza particolari indicazioni e a suo gusto, la chitarra di Davide Ferrario è finita in Autostima di prima mattina.

 

Ma chi è Davide Ferrario (il musicista, non il regista)?

Davide Ferrario nasce nel 1981 a Monselice.
A otto anni inizia a suonare la chitarra.
A dodici anni scrive pezzi dance e si avvicina al mondo delle batterie elettroniche, della computer music e tutto il resto di orpelleria che ne segue.
A quindici forma gli Fsc e inizia a cantare e a scrivere canzoni per la band.
A diciotto inizia a studiare informatica. …
A ventisei inizia a suonare il pianoforte.
Con gli Fsc, dopo vari cambi di formazione si ritrova ad essere il chitarrista di Franco Battiato, ad incidere un disco per SonyBmg e a partecipare, nel 2007, al Festival Di Sanremo con il brano Non Piangere. L’esperienza termina alla fine del 2007, momento in cui Davide decide di dare vita ad un progetto solista. Contemporaneamente iniziano due collaborazioni importanti: la partecipazione come chitarrista e arrangiatore al disco di Piero Pelù “Fenomeni”, con chitarre, sintetizzatori e quant’altro, e l’arruolamento cone chitarrista con Gianna Nannini contestuale all’uscita della raccolta GiannaBest.
Nel 2011 esce il suo primo album “F” per Novunque.
Attualmente: continua a collaborare dal vivo con Franco Battiato (prossimamente nel tour Apriti Sesamo) e Alessandro Grazian che presenta il suo nuovo disco “Armi”, è al lavoro in studio con Gaetano Cappa & C. per produrre il disco del Bambino Alberto, sta collaborando con i Vov per i quali ha remixato il brano Biancaneve e recita nello spettacolo su Falcone e Borsellino C’era una volta un giudice…anzi due!! di Simone Toffanin, di cui ha curato anche le musiche.

Il suo sito, dove potete trovare le date live, il link per l’acquisto del suo primo disco solista “F” e non solo…www.davideferrario.com

Un video dall’ultimo suo concerto al locale Contestaccio di Roma, il brano è Stanze Vuote dall’ album solista “F”, acquistabile su iTunes

 

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

No comments yet.

Leave a Reply