Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.




sito marcocastoldi.com 2003


PRIMA PARTE: 28/04/2003, "IN RIGUARDO ALL'ALBUM"


Sono molto soddisfatto di questo lavoro, dei musicisti della nuova band (con Sergio Carnevale dei Bluvertigo alla batteria) e soprattutto della parte orchestrale delle canzoni, di cui ho fatto l'arrangiamento. I Bluvertigo sono vivi e vegeti, ma temporaneamente congelati. Negli ultimi tre anni ho speso il mio tempo a vivere, ad osservare, a scrivere canzoni, a intrattenere il pubblico e frequentare posti strani. Molto probabilmente questo è un disco pop, di canzoni apparentemente tradizionali che provengono da un'epoca imprecisata del passato, tutte nate e vissute in un appartamento a Milano dalla primavera 2001 al 03/03/2003. 



SECONDA PARTE: 29/05/2003, MILANO

Sto stampando dei testi di canzoni per aggiornare la mia ventiquattrore del mestiere. E' piena notte di fine giugno, caldo ventilato artificiale, ascolto e guardo nel frattempo una registrazione audio-video del 1970 del violoncellista Slava Rostropovich (quello che suonò al muro di Berlino mentre cadeva) che esegue una sinfonia concertata di Prokofiev. Questa musica è brillante e mossa, difficilissima da eseguire, e il violoncellista è un portento assoluto. Penso: potrei incominciare il diario così. Ora Rostropovich suona al piano una struggente melodia ad ottave parallele e sua moglie canta in russo quella che è una canzone di Mussorgsky. 
Nel frattempo ho stampato dei testi di Scott Walker e mi chiedo perchè i suoi dischi non siano distribuiti in Italia. So che alcuni di voi saranno incazzati perchè ultimamente sul sito sono venuto a mancare, sembrando assente. In parte avrete pure ragione, potrei anche darvi delle motivazioni tutte vere e plausibili tipo: ho lavorato alla costruzione dello spettacolo live, alla colonna sonora di un film (quello di Alex Infascelli n.d.r.), ho scritto articoli, preparato conferenze, fatto molte interviste, studiato Liszt, scritto e suonato dal vivo (sto parlando della vita artistica e non di quella familiare che ovviamente occupa una grande parte dei miei pensieri e delle mie azioni ma di cui ora non parlerò).
Ultimamente ho visto pochi film al cinema, Matrix, l'ultimo di Sergio Rubini e quello di Battiato. Altri non me ne ricordo. In dvd invece ho piacevolmente scoperto "Il barbarossa" di Akira Kurosawa, un capolavoro imperdibile e utile. L'ho visto tre volte di seguito. L'ultima volta che mi aveva entusiasmato così un film era "Il regno" di Lars von Trier, la prima volta un horror, la seconda un comico, la terza un assurdo. Perchè tutti questi elenchi? Non so, per aggiornare, per ricordare, per attualizzare, per informare, documentare, raccontare, archiviare, boh. 
Domani farò delle fotografie inserito nell'universo di Roy Lichtenstein, poi comincerò il lavoro sull'antologia dei poeti maledetti che devo consegnare per il 15 luglio. Questa sera a Milano suonavano i Subsonica al Palastilista, Battiato al parco liberty di largo Marinai d'Italia a Milano per la festa di Alleanza Nazionale (questo evento ha scatenato dibattiti interessanti nelle mie ultime due serate) e i Tiromancino non so dove. Non ho frequentato nessuno dei tre concerti.
Ora ho un dilemma: vado a letto o guardo un film di Pietrangeli ("Io la conoscevo bene")?
Letto. 



TERZA PARTE: 08/07/2003, MILANO

Carissimi, se non scrivo qualcosa stasera mi sento in colpa. Questo è lo spazio virtuale dedicato al Diario, quella forma di comunicazione del sé come segreto prezioso, privato, come non dovesse essere mai letto. Il Diario è scritto per nessuno, ecco perchè è vero. Il problema è sempre la disciplina, l'autoregolamentazione, anche oggi, giornata scapigliata. Si è conclusa con un percorso esistenziale Monza-Milano a due, ed era tutto un ricapitolare quello che si ha in testa di fare, una tangenziale in prospettiva - i lunghi sms interrompevano ogni tanto, e la notte da questa parte è il giorno dall'altra - ora sono le tre meno un quarto e domattina cioè oggi andrò a Torino. Torino in estate mi affascina, se non altro c'è ombra. Dall'ultima volta che ci siamo frequentati intendo io e voi newsgrouppers o sarebbe meglio newsgrupies o newscrupières, newskrackers, hopefully-hakers, è passato qualche giorno.
Di cose interessanti ricordo un incontro con Luis Sepulveda e Pino Cacucci e il mio piccolo concerto classico di "musiche stanche" nel cortile di un palazzo del quattrocento appartenente alla provincia di Milano ora presieduta dall'on. Ombretta Colli (Forza Italia, ex cantante, vedova Giorgio Gaber), io gratis, come reca il contratto "a tittolo gratuito"... Che sudata.
Ma tu, a che titolo stai suonando qui?
Io: a titolo gratuito.
Dopo il concerto, il dibattito. Massimo Rota il moderatore. Il pomeriggio mi aveva parlato di quanto secondo lui ci fosse di inattuale nel mio ultimo lavoro. Allora, col Diplomatico esco dal palazzo, cerco nella ventiquattrore, c'è un libro appunto di Sepulveda che parla del passato, ma non è questo che m'interessa. Ci sediamo alla birreria di corso Monforte, sotto i portici, chiamo Mimmo, il filosofo che conosce Nietsche come nessun altro che io conosca o abbia sentito mai proferire in proposito. Mimmo veramente utile e nel parlar con lui di orologio con lancette che scorrono i minuti che vanno e svaniscono nel vuoto e che sono il tempo attuale, contemporaneo quello dell'atto, ora, adesso, quello sessuale. Altro il tempo che sta di là, quello che non è adesso, quello ad esempio di una storia qualsiasi, della storia, ma non solo, quello di una passione idealizzante, di una teoria, il tempo inattuale, ecco l'unico che agisce veramente il presente, lo slancio che porta alcuni al matrimonio è qualcosa di inattuale. Mentre nella mia mente si chiariva e il concetto illuminava la mia prospettiva a tal punto che ero in possesso di un piccolo progresso, il cielo rischiarava all'ultima ora del tramonto, mi appare Massimo Cacciari che cammina non lento non veloce, in mano un giubbino leggero e chiaro portato sulla spalla alla francese, entra proprio in birreria e si siede con tre conversatori maschi, si inserisce subito nella discussione che subito diventa viva, vivace, concentrata, ravvicinata. Ho avuto l'eleganza di non intromettermi perchè lì per lì ho detto quasi quasi gli chiedo qualcosa sull'inattualità dell'amore e della coppia in Roland Barthes ma poi, meglio così, l'idea è subito caduta.
Al concerto. Ho dimenticato la giacca a casa. Pace, suonerò in panciotto.
Casualmente l'unico amico maschio che era venuto al concerto mi ha detto di avere una seconda giacca in macchina. E che giacca! Bianca, anzi panna, a sottilissime righe verticali bluette. Foderata. Adatta, sicuramente inattuale, del tutto non contemporanea, di genere confidenziale, chi mai oggi metterebbe più sù una giacca simile? Tu, amico Massimo, e io, che l'indosso per metà.
L'indomani, fuori da un negozio di dischi in cui cercavo le canzoni di Gino Paoli rimasterizzate, chi ti rivedo? Cacciari, che cammina solo per la città ad un'andatura non lenta nè veloce, con il solito capo-spalla portato in spalla, magrissimo, con la nobile barba folta e curatissima, tendente al rosso del legno. Che pense? Ora disturbo il suo flusso di pensiero, la sua camminata meditativa.
Ciao Massimo, scusa se ti disturbo, mi chiamo Marco, ci siamo anche già conosciuti l'anno scorso ma non importa. Volevo solo dirti che seguo il tuo lavoro e ti stimo.
M.C.: grazie, ciao.
E s'incammina verso Porta Romana non lento, non veloce.
Poi dopo qualche giorno sempre nello stesso palazzo medievale per metà ricostruito in stile fascista, via Vivaio angolo corso Monforte, chiamato palazzo Isimbardi, ero là come spettatore, a vedere e sentire il maestro Ryuichi (Luigi) Sakamoto che improvvisava con Marelemboumm, non so se si scrive così. E' stata un'esperienza molto psichedelica, a tratti ambient, ma credo che sia un problema generazionale. Tutto sommato c'era un aspetto giocoso in quei loops e in quei delay usati molto stretti che producevano, nel random di un controllo mouse, una scala ascendente molto strana e inaspettata, con degli intervalli precisissimi nella stonatura dell'onda distorta sempre più quadra e acuta fino a degli overtones quasi inudibili. A quel punto ha cominciato a divertirsi lui, Sakamoto, nel non sentir più quel che stava producendo. Struttura, entropia. Applausi concettuali.
Io da una finestra che dà sul cortile al terzo piano del palazzo, col diplomatico.
Dibattito: Enrico Ghezzi coltissimo evaporato parlante, forse camicia in velluto blu, che era anfitrione di un regista polacco di cui non ricordo il nome, ah, sì, Zbigniew Rybczynsky, ma molto bravo e "lopper" d'eccezione. Lui ha con il film "The orchestra" tradotto visivamente la marcia funebre di Chopin.
La presenza di Umberto Eco, il professore chiacchierone che traduce i codici e i codici in altri codici, cioè, almeno si chiede cose che hanno a che fare col passaggio da un linguaggio ad un altro ad esempio le traduzioni, ma non solo quelle inglese-italiano, sanscrito-latino, anche ad esempio intersecando i campi artistici, gli insiemi. Da un film ad un libro e viceversa, da una poesia ad una canzone, da un quadro di Escher misto Bach con un po' di Godel farci lo Zibaldone moderno, tradurre in musica la forma, nella tridimensionalità sonora, di un teschio di uomo preistorico, costruire musiche con le proporzioni musicali che imitino le proporzioni statiche di una cattedrale gotica a cinque navate, l'ultimo libro di Nick Hornby, quello sulle sue canzoni preferite, Diamond Dogs di Bowie che è la "opera rock" di 1984 di George Orwell, insomma si potrebbero citare milioni di traduzioni o adattamenti, come li chiama Eco. Al dibattito era presente Sakamoto assortito agli altri tre su poltrone Luigi Sedici, telaio laccato oro, rivestimento di stoffa con trama floreale di dominante carminia.
Alla fine tutti parlano del "loop", tutti sono ancora fermi alla ripetitività, e forse è un bene, forse così entriamo sicuramente più a contatto con la natura, ok. E comunque fuori dal "loop" sono certo che c'è una selva fitta di questioni da esaminare altrettanto interessanti, ma mi sa che per me è veramente tardissimo, scusate, alle nove parto per Torino, sto producendo il videoclip di The Baby, con la regia a quattro mani di Riccardo Struchill, che è colui con il quale ho fatto "Altre forme di vita", ricordate, quello delle parrucche e della LEGO stazione lunare? Credo che questo video sarà molto psichedelico, forse il più psichedelico che ho mai affrontato, è totalmente caotizzato.
Come tradurre l'architettura organica in video psichedelico? Chiedere a Eco? Non credo sia utile. Qui mi sa che è una faccenda diversa. Lasciamo perdere, anche se per un momento, tutto quel ragionamento dell'appartamento e pensiamo invece che questo pezzo "The baby" necessita di un art-pop-video che si deve riferire principalmente ai bambini dai due ai tre anni e semmai avere poi anche altre chiavi di lettura per i più grandicelli, ma non necessariamente. Quindi ci saranno oggetti, simboli, espressioni, danze, gesti, mani, ombre, animali, fiori, giochi, forme varie, vestiti da incasinare, segni, direzioni, vero-falso, rovesciare, dentro-fuori, sopra-sotto, pieno-vuoto.
Livello 1 della ricostruzione cosmogonia futurista dell'universo, di questa notte.



QUARTA PARTE: 18/07/2003, MONZA

Giorno 18 luglio 2003, incredibile ma vero. Se penso a "1984", l'abbiamo superato da un pezzo (e quasi tutto si è avverato), se invece vado a "1999-fuga da New York", nulla o quasi. Stanotte al locale "Lato B" dentro una delle due dogane di Porta Ticinese - Milano - ho fatto l'accampato fonico per il duo "Lombroso": chitarra e batteria. Dario Ciffo a Ago (Elvis per i conoscenti). Suono scarno e tosto, ma fortunatamente nulla di noise o vagamente alla moda dei tempi.
Ieri ho scritto questo: "Confusione: scrivere o lavare i denti? Fabbricare una selinunte? Dire cose senza senso". Però la precedente, seppure comprensibile da una persona soltanto (in questo caso M.C.) non credo sia sintomo di confusione terminale. 
Tre giorni fa partivo per Torino allo scopo di girare il videoclip di "The baby", soggetto mio, elaborato a quattro mani con Riccardo Struchill. E' stato il solito tour de force allucinato e allucinante. C'è stato un momento in cui ero completamente nudo, o quasi: mi ha salvato un perizoma color pelle con cucite quattro foglie di edera finta. Cinque persone, cioè dieci mani, mi trastullavano per cucirmi e legarmi addosso della vegetazione sintetica con gambi malleabili di fil di ferro che mi s'attorcigliava intorno. Ad un certo punto, quando ero quasi albero, ho sentito la sensazione del soffocamento. "Stay away!", ho dolcemente recitato. Sono andato sul set pensando "posso anche muovermi" e un macchinista ha esclamato "è proprio un bel costume, non ho mai visto qualcosa di simile". A quel punto ho chiesto di essere innaffiato con uno spruzzino per capelli, ma con acqua di rose.
Riccardo mi fece "fai un bel sorriso" e io, in ritardo, capisco che la cosa giusta era invece piangere.
Risultato: sono stato immobile.



QUINTA PARTE: 20/07/2003, SALERNO

Sabato, autostrada del sole. "Blinded by the sun", cose di California. Per fortuna c'è l'aria condizionata al massimo, 34 gradi fuori, dentro 17. Deviazione per Ancona e una sosta all'autogrill, poi di nuovo direzione Abruzzi, un posto chiamato Fossacesia, le terre di Dannunzio. Là questa sera ci sarà un festival di musica indipendente italiana, il Tora Tora, e io suonerò solo, "a solo", assolo, ass-hole, us all.
Primo tempo della nona di Gustav Mahler nel lettore. Prima al bar ho dato una sbirciatina alla gossip-riviste: non c'è ancora nessuna sorpresina, per fortuna. 
Questa musica sinfonica quando si è fermi in coda è la migliore, distende, dilata i tempi e la lentezza non è patita, anzi è naturale. Mahler è molto denso nello scrivere, fluido come petrolio. Ora, su un groviglio di due o tre accordi sovrapposti, a destra, vola basso un piccolo aereobi-posto sopra l'appenino emiliano, perfora le uniche due nuvole. Tutto il resto del cielo è sgombro e l'unico vento è quello delle automobili che sfrecciano in carreggiata opposta e flettono le spighe gialle secche.Ecco perchè la coda: c'era un incidente. Crash.
Sono le 18:48, mancano sei chilometri a Imola (ricordati di comperare il rasoio). Sul sedile posteriore s'adagia "la nonna", ora più sdraiato, ora eretto ma dormiente, ora leggendo "Misfatti" di Carol Oates (una tipa americana), ora sostiene che durante una turnèe non si possa leggere assolutamente Luther Blisset (quei tipi di Bologna), ora estrae dalla borsetta "La società dello spettacolo" di Guy Debord. Penso: "ecco qua un bel volumetto anarcoide!". Mi sembra che lì dentro sia custodito il germe di ciò che alcuni definiscono "la corrente situazionista".
Mi viene in mente un ricordo e a voce alta racconto la storia di Joe, l'anarchico milanese ancora in attività. La sua storia non è di pubblico dominio, non ancora. Io l'ho conosciuto e frequentato nel cuore di Milano dal 2001 fino a circa il gennaio 2003. Una casa piccolissima e imbottita di libri e immagini, una molto visibile di Rimbaud all'interno di un mobiletto con le ante a vetro.
L'anarchico Joe è anche un musicista, raffinato, operistico, e forse anche un conoscitore degli astri. In quel periodo aveva sempre il televisore acceso, sintonizzato sul "peggio", ed erano continue sparate, invettive, altissimo disprezzo; delle volte non risparmiava neppure Ghezzi.


(si ringraziano gli utenti del forum http://smallville.forumcommunity.net per la paziente trascrizione di questo estratto)


scroll back to top

comments

◄◄
►►
Novembre 2019
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
FacebookTwitterInstagram
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.YouTubePinterest

DSC_5963.jpg
La Gallery, le nostre foto dei live
morgan_xfacor_audizioni_rimini_21.jpg
Foto - Disegni - Ritratti

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI