Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”.


(Bergamo, uscita A4: Dalmine, a 20 minuti da Milano)



Marco Castaldi AKA Morgan alla discoteca BOLGIA in veste di d.j. non suonerà i dischi ma li giocherà, si divertirà titillandovi i padiglioni auricolari con vinili c.d. midi files, minimoog e altre magiche sorprese sonore. Avrà nella 24ore alcuni d.v.d. dei suoi film preferiti che faranno l’accompagnamento visivo della serata. Per fortuna non canterà.

L’orizzonte musicale possibile della sua performance è vasto e le scelte dipenderanno dalle seguenti variabili:
1) Disponibilità reale dei dischi e stato di funzionamenti degli stessi (residui di birra)
2) Umore del D.J. determinato dalla giornata da cui proviene
3) Fasi lunari
4) Temperatura esterna
5) Battito cardiaco e pressione
6) Le vostre facce e il pregiudizio indotto dal vostro abbigliamento
7) Pazzia

Il testo che avete appena letto l’ha scritto in terza persona lo stesso Morgan, durante una simpatica serata in studio ascoltando le songs in lavorazione del suo prossimo album.

Fonte




GQ, Novembre 2004



Come nasce la colonna sonora di un film molto speciale? Lo rivela un musicista che conosce (e ama) la regista. Fino all'ultimo accordo.

Non appena letta la sceneggiatura inglese di "The heart is deceiful above all things", ho immaginato un tema infantile di pianoforte, una semplice melodia discendente, per toni vicini, una specie di ninna nanna lunare dal sapore di certo futurismo italiano, tipo Alfredo Casella (che non casualmente è il bisnonno di Asia). Un tema corto, gentile e astratto, quasi didattico, che affiora dalla testa di un bambino e già nasce come ricordo di "un'infanzia perduta". Per alcuni istanti la melodia è pura, incontaminata, sentimentalmente educata, sana, poi ha inizio una trasformazione che nel film la condurrà al disfacimento, materia psichedelica che compie una metamorfosi e raggiunge il disincanto in un "rumoreggiare-amoreggiare".
Il suo luogo è la testa del bambino che si adatta alle torture inflitte, una melodia che si corrompe, o meglio si sposta dal cuore al sistema nervoso. Ho chiamato questo tema "Infant madness", musica per pianoforte e cetra magica (nda: la cetra magica è una Zither del '49, lo strumento della colonna sonora del film "Il terzo uomo" di Carol Reed, il mio primo "vero" strumento musicale, apparteneva a mia zia ma era custodito nello sgabuzzino dell'appartamento di mia nonna. Lì, al buio, di pomeriggio, io da piccolo lo suonavo. Ora quella cetrina nera con le chiavette del clavicembalo appartiene a mia figlia).
Poi mi sono dedicato alla madre, per lei c'è una canzone senza parole, un valzer che ritorna ogni qualvolta Sarah fa la sua ri-comparsa nella storia. Per ritrarla mi sono messo nella posizione di uno spettatore - ovviamente l'unico spettatore che potrei essere io e non altro, quando messo in quella posizione - e ho desiderato commuovermi per lei anziché condannarla, offrirle una prospettiva pietosa, salvarla e salvare il bambino. Così nasce "Real mama", scritto in una camera d'albergo a Roma in una strana notte in cui pioveva a dirotto.
Date le partiture dei due caratteri principali, ho plasmato l'intreccio melodico, "eseguendo" la narrazione del film dall'inizio alla fine. Ho registrato con un pianoforte, usandolo in modo sperimentale, pizzicando le corde, percuotendole con del ferro, strofinandole, generando svariati registri inediti, mentre scorreva contemporaneamente sullo schermo la versione definitiva del film, e io improvvisavo variazioni dei temi, che si fondevano tra loro fino a diventare una cosa sola.

Una curiosità: quando Sarah si sposa compare l'accordo iniziale della marcia nuziale di Mendelssohn, però rovesciato, distorto e registrato al contrario, forse a significare un matrimonio sbagliato.

Morgan


Scritto in occasione del Festival di Enzimi, 5-12 settembre 2004



La vocazione del disck-jockey secondo Morgan

Premetto che, secondo me, fare il disc-jockey è un fatto di vocazione più che di arte, perché lo si diventa se si è votati all'intrattenimento degli altri, nell'interesse della loro opinione, reazione e partecipazione. Ciò non sempre vale per gli artisti, infatti ne conosco alcuni che se ne fregano altamente di ciò che gli altri pensano di quello che fanno e ne vanno fieri, autodefinendosi “puri”, cioè incontaminati dalle leggi del pubblico (spesso di esso burlandosi), e del mercato, pur facendone misteriosamente parte. Questa purezza, in un D.J., comprometterebbe la densità demografica della pista da ballo e lo costringerebbe a cambiare mestiere. Così, nell'‘era della comunicazione, una pratica basata essenzialmente sull'interazione col pubblico ha molto riscontro e diffusione in ambito popolare. Bowie nell'albun Lodger del '79 cantava ‘‘I am a D.J. / I am what I play…'' ( Io sono un D.J. / sono ciò che suono), la traduzione in italiano di questo ritornello mi ispirò vent'anni dopo le parole “Sono come sono, sono come suono”. Si nota che nella lingua di Dante non c'è sovrapposizione tra il verbo “suonare” e “giocare”, cosa che invece vale nell'inglese – to play – e nel francese – jouer – (peccato). Perciò ho sempre trovato poco appropriato il modo in cui un D.J. descrive il suo compito come l'atto di “suonare dei dischi”. Comprendo l'intenzione della stimata categoria di innalzare il loro fare al di sopra di uno scialbo “mettere i dischi”, espressione che non tiene conto dell'abilità che occorre nello scegliere, nel far coincidere lo stile dei brani e la loro velocità metronomica (battiti per minuto), nel miscelare e non far accorgere che si è passati al disco successivo, nello scratch o altre diavolerie di cui un bravo D.J. è capace. L'espressione attualmente in voga “suonare i dischi” genera un doppio equivoco: da una parte sottovaluta l'essere umano, carnale e cerebrale, non meccanico, che compie l'azione (dato che è il meccanismo di riproduzione gira-dischi che, mediante testina e pre-amplificatore, “suona” gli oggetti roteanti), dall'altra non considera che i dischi in questione emettono musica che è già stata “suonata” dai musicisti che appunto li hanno incisi usando strumenti musicali o programmando con softwares le partiture. Uguale ingiustizia ci sarebbe se, una volta sfornata una pizza pre-cotta e surgelata, dicessi: “Ecco, è pronta la pizza che ho cucinato”. Per risolvere la questione linguistica ispirandomi al mancato doppio significato italiano proporrei la locuzione “giocare i dischi”, ben sapendo che non sarà mai adottata da alcun D.J. che si rispetti (sarebbe interessante se “jockey” stesse per “giocoliere”, ma invece vuol dire “manovratore”). Quanto a me, che invece sono interessato all'opinione altrui – da qui la mia riluttanza ad auto-definirmi artista –, sarò nel cartellone del Festival di Enzimi nella inusuale veste di “giocatore di compact-disc”. Credo mi comporterò come quando a casa mia o in macchina con un amico faccio una selezione della musica che mi piace e, con quel che ho a portata di mano, liberamente, cerco quella coerenza stilistica che connette trasversalmente i generi, divertendomi, accostando l'inaccostabile, come Tenco e la Tecno, Iggy Pop e Carmelo Bene. Consigliato per gli amanti del secolo scorso.

Morgan

Fonte



agosto (luglio?) 2004



Alt, un momento, chiariamo subito una cosa: se per «vacanza» intendiamo sandali, cappello e villaggio con tanto di animatori e bambini urlanti, allora dico che io in vacanza non andrò mai. Se invece vogliamo dire isole di relax assoluto, lontano dagli impegni più odiosi, allora la vacanza per me è una bella giornata nella mia casa di Monza, in compagnia della mia uva canadese. Per chi non sapesse cos’è, si tratta di un rampicante tipo l’edera, che cresce molto velocemente: qualche volta mi fermo a osservarla e rifletto sulla rapidità con cui cambiamo. Ma torniamo alla vacanza (dobbiamo per forza chiamarla così?). Se dico che al mattino comincio la giornata leggendo Dante o Leonardo da Vinci, che mi rintano come un lupo, che amo passeggiare per le strade deserte e che detesto fare programmi, rischio di essere antipatico? Sì? Bene, allora corro il rischio, perché è così. Mi piace svegliarmi sempre a ore diverse, non ricordare nemmeno la mia età (28? 30? boh), scoprirmi oggi lupo mannaro domani agnello, inventarmi una pastasciutta strana, leggere solo i giornali faziosi, mandare al diavolo le regole e le persone che non mi vanno giù. In una parola, per me la vacanza è un luogo mentale, è quello spazio di tempo in cui posso prendermi ogni libertà possibile. Godere della frescura della Versailles d’Italia, ovvero di Monza, assorbire la calura estiva che fa venire a galla il lato più autentico delle città, fotografare un angolo della strada che mi ricorda un mostro fantastico, osservare per ore mia figlia o Asia (Argento, ndr ) mentre prepara un tacchino secondo una ricetta yiddish. Addormentarmi di colpo nel pomeriggio e svegliarmi con una musica nuova in testa, non fare nulla per quarantotto ore e poi scrivere per tre giorni di fila. Vedere gli amici e improvvisare un ritmo o andare a letto alle otto di sera. Disdire un impegno importante solo per stare ancora un’ora a guardare l’uva canadese che cresce e se ne frega. Scoprire che c’è più poesia in una stazione metropolitana sfinita dal caldo che in un’intera raccolta di versi francesi. Ecco, la mia vacanza è dentro di me.

Marco "Morgan" Castoldi 


◄◄
►►
Settembre 2019
LunMarMerGioVenSabDom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
FacebookTwitterInstagram
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.YouTubePinterest

38138_1326588296545_1586046201_30755379_1952108_n.jpg
La Gallery, le nostre foto dei live
morgan radiodj 2012_11.jpg
Foto - Disegni - Ritratti

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI

**** LATEST NEWS ****

05.12.2014 Tutte le recenti interviste in vista del nuovo disco e dell'autobiografia

Interviste 2014

05.12.2014 Pubblicata l'autobiografia di Morgan "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"

Bibliografia

23.11.2014 Morgan canta ad X Factor il nuovo brano "Destino cattivo"

Video

06.12.2013 Morgan presenta l'inedito "Spirito e Virtù" a X Factor 2013

Video e Testo

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI AL SITO

QUI